Rapsodia satanica (1917)

Nino Oxilia

Rapsodia satanica 1

SINOSSI: Un’anziana dama dell’alta società, Alba d’Oltrevita (Lyda Borelli) stipula un patto con Mefisto (Ugo Bazzini), per riacquistare la giovinezza in cambio della quale, però, ha il divieto di innamorarsi. Alba, ora giovane e bellissima, è corteggiata da due giovani fratelli, Tristano (Andrea Habay) e Sergio (Giovanni Cini). Quest’ultimo minaccia di uccidersi se lei non lo amerà: lei tuttavia non s’interessa a Sergio, il quale  si uccide, e, innamorata, si prepara a sposare Tristano. A questo punto però Mefisto torna per riprendersi la giovinezza che aveva concesso, restituendo la vecchiaia ad Alba che ha infranto il patto.

Rapsodia satanica rappresenta l’opposto cinematografico del rivoluzionario realismo di un film come Assunta Spina (1915): in questa sorta di Faust al femminile, tratto da un poema di Fausto Maria Martini del 1915, non si mira al ritmo reale delle cose, al loro scorrere attraverso istanti che parlano di quotidianità; al contrario, ogni fotogramma sembra voler scolpire l’attimo ideale, o l’idea stessa di Bellezza, di Perfezione (ma anche dell’Amore, del Pentimento e del Male, rappresentato da un giullaresco Mefisto), ma certamente più per estetismo che per idealismo. Pare quasi di assistere ad una serie di pose tendenti all’assoluto. In questo senso (e non solo per il decadentismo insito nel soggetto ed esplicito nella messa in scena), si può dire che Rapsodia satanica è un film dannunziano, come e più di molti altri film italiani di quel periodo. Eppure, questo modo di fare e di concepire il cinema, questa presunta “teatralità”, era invece un tentativo di disfarsi proprio dei retaggi del teatro, di supplire all’assenza della parola, al fine di rendere il cinema un’arte, avvalendosi in primo luogo della presenza di una Diva. E la diva per eccellenza del cinema muto italiano fu proprio la Borelli, che sugli schermi dell’anteguerra riportava tutta una serie di suggestioni e fermenti della cultura e dell’immaginario europei:

In Rapsodia satanica, quando le sue braccia si allargano quasi a liberare il corpo dai veli e a imitare i gesti della farfalla, si può dire che raggiunga un grado di stilizzazione imprevisto – che richiama Loïe Fuller e Isadora Duncan – fino a quel momento soprattutto espresso dalla grafica, dalle arti applicate e dalla poesia e dalla danza. La Borelli è la Diva che meglio riesce a condurre gli spettatori nei labirinti e nelle zone oscure dei sentimenti e del desiderio, rispondendo alle voci interiori, giocandosi sempre tutto, anche la vita, per un attimo d’amore. Nella maggior parte le sue eroine sono (…) così affette da bulimia vitale, pur nei languori e crisi esistenziali, da non temere faustianamente (…) di stringere un patto col diavolo per riconquistare l’eterna giovinezza. (1)

Su di lei scrisse persino Antonio Gramsci, in uno dei suoi rari rimandi al mondo del cinema:

Questa donna è un pezzo di umanità preistorica primordiale. Si dice di ammirarla per la sua arte. Non è vero. Nessuno sa spiegare l’arte della Borelli perché essa non esiste. La Borelli non sa interpretare nessuna creatura diversa da se stessa… La Borelli è l’artista per eccellenza della film in cui la lingua è il corpo umano nella sua plasticità sempre rinnovantesi. (2)

Nata a La Spezia nel 1884, all’epoca in cui il film fu girato Lyda Borelli era all’apice della sua carriera. Aveva debuttato nel 1913, sotto la direzione di Mario Caserini, con Ma l’amor mio non muore!. Il successo era stato immediato, così come immediata fu la sua consacrazione a diva del cinema italiano, assieme alla collega Francesca Bertini. Rapsodia Satanica fu girato nel 1914, ma uscì soltanto tre anni dopo, nel 1917, che fu poi anche l’anno della morte del regista ventottenne Nino Oxilia, ucciso dallo scoppio di una granata austriaca alle pendici del Monte Tomba. Fu inoltre il primo film italiano ad avvalersi di una partitura integrale scritta da un celebre compositore, Pietro Mascagni, messo sotto contratto per cinque anni dalla casa di produzione romana Cines. Di recente, nel 2014, il gruppo post rock emiliano Giardini di Mirò ha eseguito una nuova versione della colonna sonora, portandola in tour e proiettando, contemporaneamente, una versione colorata del film.

Vittorio Renzi  (13 aprile 2015)


(1) Gian Piero Brunetta, Cinema muto italiano, in Storia del cinema mondiale, vol. 3, tomo I, Torino, Einaudi, 2000, p. 50-51.
(2) Antonio Gramsci, Letteratura e vita nazionale, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 336-337, riportato in Gian Piero Brunetta, Il cinema muto italiano, Bar-Roma, Laterza, 2008, p. 94

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rapsodia satanica

[Satanic Rhapsody]

Italia, 1914-1917

regia: Nino Oxilia

soggetto: poema di Fausto Maria Martini

sceneggiatura: Alberto Fassini

fotografia: Giorgio Ricci

musica: Pietro Mascagni

produzione: Società Italiana Cines

cast: Lyda Borelli, Andrea Habay, Ugo Bazzini,
Giovanni Cini, Alberto Nepoti

durata: 55′

data di uscita: 1917

Lyda Borelli

Un pensiero su “Rapsodia satanica (1917)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.