Der brennende Acker (Il campo del diavolo, 1922)

Friedrich W. Murnau

der brennende acker 1

SINOSSI: Il vecchio contadino Rog sta morendo, assistito dal figlio Peter (Eugen Klöpfer). L’altro figlio, Johannes (Vladimir Gajdarov), che vive in città, sta accorrendo al suo capezzale e viaggia su una slitta a cavallo guidata dal barone Ludwig von Lellewel (Alfred Abel), ma arriva quando il genitore è già morto. Ludwig approfitta del viaggio per incontrarsi con la figlia del conte von Rudenburg (Eduard von Winterstein), Gerda (Lya De Putti), che corteggia da diverso tempo. Da parte sua, il conte è ossessionato da uno scavo che sta effettuando su un terreno di sua proprietà, soprannominato “campo del diavolo”, per via di un drammatico incendio accaduto in passato in cui aveva perso la vita un suo antenato. Da allora in questo luogo dalla fama funesta non crescono né alberi né erba, vi sorge soltanto una cappella votiva. Dopo la morte del vecchio Rod, Johannes, che non è affatto interessato alla vita di campagna, lascia la fattoria ed incontra Gerda, che gli dà l’idea di farsi assumere da suo padre come segretario. Ma Helga (Stella Arbenina), la seconda moglie del conte, guarda con preoccupazione all’intesa che sembra esserci fra Johannes e Gerda. Quando il conte scopre che sotto il campo del diavolo c’è un prezioso giacimento di petrolio, Johannes casualmente origlia la notizia. Subito dopo il conte, malato e oramai prossimo alla morte, lo convoca per dettargli il testamento, in cui lascia in eredità alla figlia tutto il suo patrimonio, eccezion fatta per il campo del diavolo, che lascia a Helga. Così, dopo la morte del conte, Johannes sposa Helga anziché Gerda. Poi torna in città per cercare finanziamenti che gli permettano di sfruttare il giacimento. Ma Helga, ignorando la questione del petrolio, decide di vendere il campo a Peter per pochi marchi. Tornato trionfante dalla città, Johannes rimane sconvolto dalla notizia. Helga capisce così che Johannes l’ha sposata solo per poter mettere le mani su quel terreno e, disperata, torna da Peter per farsi annullare il contratto, dopodiché si suicida gettandosi in un torrente.  Sul terreno cominciano le trivellazioni, ma Johannes, in preda ai sensi di colpa, è ormai disinteressato. Gerda si ripresenta da lui ma Johannes la respinge una seconda volta. Gerda allora dà fuoco al giacimento. Johannes torna alla fattoria chiedendo scusa al fratello e a Maria (Grete Diercks), giovane domestica da sempre innamorata di lui. La famiglia lo riaccoglie a braccia aperte.

Girato subito dopo Nosferatu, Der brennende Acker è sopravvissuto a lungo in un’unica copia incompleta (gli ultimi tre rulli), fino al ritrovamento, nel 1978, dell’intero metraggio di pellicola, sia pure in condizioni non buonissime, presso la Cineteca di Milano, sotto il titolo Il campo del diavolo. Cronologicamente si tratta dunque dell’undicesimo film diretto da Murnau, ma è di fatto solo il quinto fra i film sopravvissuti ad oggi. E non è il più memorabile, anche se Lotte Eisner ci riporta diverse recensioni entusiastiche dell’epoca che rendono conto di quello che fu, dunque, uno dei primi grandi successi di Murnau, sia in patria, sia in altri paesi europei. (1)

Si tratta di un melodramma rurale, sottogenere già sondato da Murnau in Marizza, genannt die Schmugglermadonna (Marizza, detta la signora dei contrabbandieri, 1920), di cui ci resta solo un rullo, e che ripercorrerà poi nel film ad oggi perduto Die Austreibung (1923), fino a Sunrise (Aurora, 1927) e City Girl (Nostro pane quotidiano, 1930). Der brennende Acker, il cui sottotitolo recita “Il dramma di una persona ambiziosa”, ha come tema centrale quello scontro fra la vita di campagna e la vita di città (anche se quest’ultima non è mai rappresentata) “che si offre come un motivo strutturale del melodramma degli anni Venti, sviluppato da Murnau nell’orizzonte del tema dell’’innocenza perduta’”. (2)

Se in Sunrise il suddetto conflitto sarà esplicitato, in una maniera senza dubbio più stimolante, attraverso il triangolo di un uomo e due donne, qui si esprime invece nel rapporto fra i due fratelli, contrasto che era già presente in Marizza, i cui opposti caratteri si manifestano anche nelle fisionomie assai diverse, e che richiamano, curiosamente, quelle degli amici d’infanzia Alfredo e Olmo in Novecento (1976), di Bernardo Bertolucci.

L’intera vicenda si svolge in soli tre ambienti: la fattoria dei Rod, ereditata dal solo Peter dopo il voltafaccia di Johannes, il lussuoso palazzo del conte von Rudenburg e il campo del diavolo ricoperto dalla neve. Il polo della città viene quindi sostituito da quello della vita agiata di palazzo, dove Johannes finisce per andare a lavorare, trasformando il conflitto iniziale campagna/città in quello aristocrazia/vita contadina. Ma, di fatto, nella sceneggiatura di Willy Haas (celebre letterato tedesco, qui alla sua prima sceneggiatura), Thea von Harbou e Arthur Rosen, le ragioni sociali di questo scontro non vengono mai approfondite e valgono più che altro come ambientazione, rimanendo in superficie. Dopo la stretta collaborazione con Carl Mayer di molti dei film precedenti – e che riprenderà con Herr Tartüff (Tartufo, 1925) – Murnau si avvale per la prima volta della scrittrice bavarese la quale, proprio in quello stesso 1922 convolava a nozze con Fritz Lang. Nei due anni successivi, Murnau e la von Harbou realizzeranno insieme altri tre film: Phantom (Fantasma, 1922), Die Austreibung (1923, perduto) e Die Finanzen des Großherzogs (Le finanze del granduca, 1924).

Ad ogni modo, prescindendo dall’esiguità, dalla banalità e dalla retorica dell’intreccio, anche in questo caso Murnau trova il modo di esprimere la propria fascinazione per l’unico vero scontro che gli interessa davvero: quello fra l’animo umano e gli spazi naturali, e dunque ripresenta in parte quella stessa dicotomia tra interni (quelli della fattoria dei Rod, pervasi di calore e giocati su una tinta calda, l’ocra) ed esterni (gelidi, inondati da una luce bianca e bluastra) di Schloß Vogelöd (The Haunted Castle, 1921), cui rimandano anche gli interni algidi e labirintici del palazzo del conte. Ma a un secondo livello si tratta ancora una volta, più che di uno scontro, di una perenne simbiosi, una comunione, un rapporto misterioso e inevitabile che si esprime figurativamente in quelle forme attinte al romanticismo che già abbiamo visto nei film precedenti. Lo vediamo ad esempio in una delle scene iniziali in cui Gerda, dopo aver letto l’ennesima lettera supplicante di Ludwig e averla strappata, spalanca una finestra lasciando entrare il vento gelido e la notte scura, dichiarando così esplicitamente la sua appartenenza della sua anima al lato più selvaggio e sensuale, più “oscuro”. Se non che Gerda non è ritratta come un personaggio del tutto negativo: è sicuramente sprezzante e snob, ma capace anche di passione e coraggio, come nel suo gesto di rivalsa finale che si rivelerà poi positivo, almeno per quanto riguarda Johannes e la sua decisione di tornare alla casa paterna.

In questa occasione poi, è evidente l’ispirazione che Murnau trae da Way Down East (Agonia sui ghiacci, 1920), uno dei maggiori successi di Griffith uscito solo due anni prima, la cui parte finale si impone proprio per questa perfetta fusione tra accadimenti, sentimenti e il sublime della natura, di cui già lo svedese Sjöström aveva dato una prova di grande impatto nei suoi film del decennio precedente.

Pur essendo il film privo di ogni elemento fantastico, rispetto al di poco precedente Nosferatu, è facile stabilire un parallelo tra il minaccioso castello di Orlok e quella del “campo del diavolo”. Quel campo innevato, infatti, a cui la superstizione dei contadini attribuisce l’opera del Maligno, si traduce, nell’animo smaliziato dei personaggi principali, come un catalizzatore di ambizioni, di desideri e di paure, finendo per vampirizzarne gli animi e, sia pure indirettamente, per direzionarne le esistenze verso la catastrofe (vi è anche un accenno ai lupi che ululano fuori, nella notte, che rimanda ai ben più spaventosi lupi mannari dei Carpazi). Ragion per cui appare quanto mai posticcio quel lieto fine accomodante in cui a Johannes viene perdonato tutto. La sequenza in cui ci viene raccontato il tragico destino dell’antenato del conte, che si era calato nel pozzo per esserne risucchiato in un baluginio di fiamme, funziona come film nel film e serve a spiegare l’origine  della superstizione popolare su quel nefasto luogo.

Le riprese alternano campi lunghi (esterni), piani medi con figure per lo più isolate le une dall’altra (nel castello del conte predominano infatti grandi spazi semivuoti e verticalità) e piani medi con più figure nel quadro (la fattoria Rod dai soffitti bassi e ricolma di persone e utensili), ripresentando puntualmente gli aspetti psicologici e i legami dei personaggi in termini di distanza e spazialità e ribadendo così che l’unica salvezza rimasta è quella che si trova nella famiglia, possibilmente numerosa, che condivide spazi piccoli ma pieni di calda umanità. Murnau lavora poi come di consueto in maniera pittorica sui volti e sulle posture dei singoli personaggi e sugli spazi che essi occupano nei momenti cruciali della loro esistenza. La macchina da presa in movimento si ritrova in alcune scene, quella della slitta su cui viaggiano Johannes e Ludwig all’inizio del film e quella della cavalcata di Johannes e Gerda, entrambe risolte con carrellate a precedere in camera-car, sul modello griffithiano, penalizzate però dall’inframezzarsi dei vari intertitoli. Bisognerà attendere ancora un paio d’anni affinché Murnau e i suoi operatori (che qui sono Fritz Arno Wagner e Karl Freund in coppia) trovino il coraggio di sperimentare in maniera ben più radicale le possibilità motorie della macchina da presa e, al contempo, la riduzione fin quasi alla scomparsa delle didascalie. Fra gli attori, Alfred Abel (celebre per il ruolo del magnate di Metropolis) tornerà in vesti di protagonista nel successivo Phantom e poi ancora in Die Finanzen des Großherzogs.

Vittorio Renzi  (26 novembre 2017)


(1) Lotte H. Eisner, Murnau. Vita e opere di un genio del cinema tedesco, Padova, ALET, 2010, pp. 130-131.
(2) Andrea Minuz, Friedrich Wilhelm Murnau. L’arte di evocare fantasmi, Fondazione Ente dello Spettacolo, 2010, p. 69.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Der brennende Acker (Il campo del diavolo)

[The Burning Soil]

Germania, 1922

regia: Friedrich Wilhelm Murnau

sceneggiatura: Willy Haas, Thea von Harbou e Arthur Rosen

fotografia: Fritz Arno Wagner e Karl Freund

musica: Alexander Schirmann

scenografia: Rochus Gliese

produzione: Erich Pommer e Sacha Goron, per Goron-Deulig-Exclusiv-Film

cast:Vladimir Gajdarov, Eugen Klöpfer, Eduard von Winterstein, Lya De Putti, Stella Arbenina, Alfred Abel, Grete Diercks, Werner Krauss

lunghezza: 6 rulli, 2.651 metri

durata:  100’

première: Berlino, 9 marzo 1922

der brennende acker poster

Un pensiero su “Der brennende Acker (Il campo del diavolo, 1922)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.